Disabili - Nota Ministero del Lavoro 8 maggio 2001 n. 729 torna alla pagina precedente
Il Lavoro e l'Istruzione - Leggi per l'occupazione
Leggi per l'occupazione

Nota Ministero del Lavoro 8 maggio 2001 n. 729

  • Oggetto: D.L.vo 469/97, art.6, c.2 – L.68/99, art.6 – Composizione organi collegiali collocamento disabili.

    AGLI ASSESSORI REGIONALI E PROVINCIALI AL LAVORO
    LORO SEDI

  • Per opportuna conoscenza, si trasmette in copia l’allegata nota con la quale è stata fornita risposta a taluni quesiti posti dalla Provincia di Bologna in merito alla partecipazione delle associazioni in seno agli organismi previsti dall’art.6 del D.L.vo 469/97.

    Roma, 20 aprile 2001

    Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

    DIREZIONE GENERALE PER L’IMPIEGO

    Divisione III

    "Disciplina generale del collocamento obbligatorio"

    Prot. n. 631/M6

     

    Oggetto: D.L.vo 469/97, art.6, c.2 – L.68/99, art.6 – Composizione organi collegiali collocamento disabili.

    ALL’ ASSESSORATO ALLA SANITA’ E SERVIZI SOCIALI – POLITICHE DEL LAVORO SERVIZIO ORIENTAMENTO LAVORO
    VIA DEL BORGO S. PIETRO 90/9
    40126 BOLOGNA

    E P.C. ALL’AGENZIA EMILIA ROMAGNA LAVORO
    V.LE ALDO MORO 38
    BOLOGNA

    Si fa riferimento alla nota del 15 gennaio u.s. con la quale è stato richiesto un parere della scrivente in merito a talune problematiche concernenti la partecipazione delle associazioni rappresentative dei disabili in seno agli organismi previsti dall’art.6, comma 3 del D.L.vo n.469/97.

    In proposito si osserva quanto segue: sembra più corretta, ai fini della individuazione delle categorie più rappresentative la scelta di far riferimento esclusivamente alle categorie di disabili identificate nell’art.1 della legge 68 e non anche a quelle che rappresentano portatori di specifiche patologie, considerato che queste ultime sono comunque inquadrabili, a seconda della causa che le ha determinate, in una delle anzidette categorie.

    In relazione al secondo quesito si ritiene opportuna, in linea peraltro, con l’orientamento a suo tempo assunto dallo scrivente, la valutazione del grado di rappresentatività con esclusivo riferimento all’ambito provinciale.

    Infine, si esprime l’avviso che la ricognizione del grado di rappresentatività debba essere effettuato all’interno delle singole categorie.

    IL DIRETTORE GENERALE
    DANIELA CARLA' HTML|Leggi

    Attenzione!
    Questa pagina è stata spostata ed è ora raggiungibile sul nuovo
    Portale della Regione Liguria per il Lavoro

    alla Sezione Normativa

    Per saperne di più ...