Disabili - Nota Ministero del Lavoro 11 ottobre 2001 n.1630 torna alla pagina precedente
Il Lavoro e l'Istruzione - Leggi per l'occupazione
Leggi per l'occupazione

Nota 11 ottobre 2001 n.1630

  • Oggetto: Assunzioni obbligatorie. Legge 12.3.1999, n.68. Richiesta di compensazione territoriale e di esonero parziale.

  • Nella fase istruttoria dei procedimenti di autorizzazione alla compensazione territoriale Ŕ emerso che, frequentemente, i datori di lavoro richiedenti l’autorizzazione ad effettuare il computo dei soggetti iscritti negli elenchi del collocamento obbligatorio su determinate sedi produttive provinciali, giÓ beneficiano dell’istituto dell’esonero parziale nelle stesse sedi o, contestualmente alla presentazione della richiesta di compensazione, presentano al servizio istanza di esonero per le medesime province sulle quali si chiede di concentrare le assunzioni.
    Al riguardo, si precisa che le ragioni per le quali la legge consente il ricorso all’esonero parziale sono diametralmente opposte rispetto a quelle che giustificano l’accesso all’istituto della compensazione territoriale.
    Infatti, a fondamento dell’esonero parziale, vi Ŕ l’impossibilitÓ di assumere personale disabile per la natura dell’attivitÓ svolta dal datore di lavoro richiedente; viceversa, presupposto della compensazione territoriale Ŕ la capacitÓ di assorbimento dei predetti soggetti in determinate sedi produttive, in luogo di altre, secondo le esigenze organizzative del datore di lavoro.
    Da quanto sopra argomentato consegue l’inammissibilitÓ di una domanda contestualmente volta a conseguire entrambi gli obiettivi; nÚ va trascurato che, ai fini del ricorso all’esonero parziale, Ŕ necessario preventivamente definire il quadro giuridico degli obblighi imposti in capo alla societÓ richiedente in ciascuna provincia; dunque l’autorizzazione alla compensazione territoriale precede, logicamente, l’eventuale ricorso all’esonero.
    Per i motivi esposti, pertanto, il datore di lavoro in possesso del provvedimento autorizzativo alla compensazione territoriale, potrÓ far ricorso all’istituto dell’esonero parziale (ai sensi del D.M. n.357 del 7 luglio 2000) per le sedi nelle quali si assume in eccedenza solo dopo l’accertata e concreta impossibilitÓ di effettuare il collocamento mirato, per mancanza di adeguate professionalitÓ, pur avendo attivato ogni iniziativa diretta all’inserimento.
    Una diversa interpretazione del sistema determinerebbe un’applicazione falsata e giuridicamente distorta dei principi della legge n.68/99.
    Si invitano pertanto i servizi, a tener conto delle illustrate considerazioni e ad informarne i datori di lavoro interessati.

    IL DIRETTORE GENERALE
    Daniela CARLA'

    HTML|Leggi

    Attenzione!
    Questa pagina è stata spostata ed è ora raggiungibile sul nuovo
    Portale della Regione Liguria per il Lavoro

    alla Sezione Normativa

    Per saperne di più ...